head

Infarto cardiaco: è in pericolo anche il sesso debole

infarto cardiaco
Eva MacPherson Eva MacPherson
Naturopata e nutrizionista

Google+
Temi: Stile di vita

L’infarto cardiaco viene erroneamente considerato una malattia degli uomini, sebbene può colpire anche le donne. Anzi, nel loro caso i sintomi si presentano in un modo molto più ambiguo, quindi è bene sapere, quali sono i disturbi premonitori alle quali bisogna prestare attenzione.

Non fa eccezione nessuno

La causa principale dell’infarto cardiaco e del blocco cardiaco improvviso sono soprattutto i depositi presenti sotto lo strato interno delle arterie che riforniscono il cuore, ma possono presentare dei fattori a rischio, frequenti anche nelle donne, l’ipertensione, il fumo, il diabete, il soprappeso, inoltre le predisposizioni genetici, e la vita sedentaria. Altri fattori possono aumentare nelle donne il rischio dell’infarto cardiaco: lo stato di stress permanente, causato da problemi famigliari o di lavoro, un divorzio difficile, la perdita improvvisa di un caro famigliare può comunque contribuire alla formazione dell’infarto cardiaco. Il consumo massiccio di alcolici reca danni al funzionamento cardiaco, ma dopo la menopausa – in mancanza di estrogeni – il rischio dell’infarto cardiaco può comunque aumentare.  

„Mi sento così strana”

Anche se l’infarto cardiaco è una delle cause principali dei decessi, non tutti sono a conoscenza, quali sono i sintomi ai quali prestare attenzione, e questo nel caso delle donne è ancora più importante. La tosse incessabile può essere un segno premonitorio dell’infarto cardiaco, dato che a causa del malfunzionamento cardiaco, nei polmoni si accumulano dei liquidi. L’improvvisa comparsa della spossatezza e dell’indebolimento possono essere i sintomi precoci dell’imminente attacco cardiaco, così come la nausea, che può persistere anche durante l’attacco. Prima dell’infarto cardiaco molti malati si lamentano di gonfiori, e di disturbi digestivi, la causa di ciò è la circolazione sanguina, dato che in questo caso l’organismo non riesce più a svolgere a pieno i suoi compiti basilari.  A causa del malfunzionamento cardiaco si modifica il rifornimento d’ossigeno del sangue, che può portare all’agitazione e ai problemi di sonno. Il sintomo che precede l’infarto cardiaco è spesso la perdita d’equilibrio, con forte capogiro, che può portare alla perdita dei sensi. La causa di ciò, è il circolo sanguino insufficiente, che comporta una mancanza di ossigeno nel cervello. È un sintomo tipico dell’infarto cardiaco è il dolore che si presenta al centro del petto, sensazione di pressione che sussiste per uno-due minuti, ed è costante.

 

Nel caso delle donne possono presentarsi frequentemente crampi addominali, dolori della mandibola o della schiena, nonché nausea, respiro affannato, vista offuscata, e la sudorazione eccessiva del cuoio capelluto. Spesso il dolore può colpire anche lo stomaco, ed è per questo motivo che può capitare, che il malato associa i sintomi dell’infarto cardiaco alla cattiva digestione.

Articoli correlati

Comunità

NEWSLETTER BLOG

phone

Suggerimenti per la salute direttamente nella sua posta elettronica