head

Cura della pelle in estate – Consigli per il periodo estivo

La cura della pelle in estate non si esaurisce con la protezione dal sole
La cura della pelle in estate non si esaurisce con la protezione dal sole
Suren Ponti Suren Ponti
Giornalista, consulente sanitaria
Temi: Stile di vita

Raggi UV, scottature da sole, acqua con cloro e aria condizionata in albergo: sono solo alcuni esempi di fattori che non fanno bene alla nostra pelle, ma che anzi la rendono secca, vecchia, dura e sciupata. Come porre rimedio a questo? Come effettuare la cura della pelle in estate, soprattutto durante il periodo di vacanza?

Se parliamo di cura della pelle in estate, a molti la prima cosa che viene in mente è l’importanza della protezione dai raggi UV, ma nei mesi caldi la nostra pelle ha bisogno di molto di più di questo, soprattutto durante le vacanze.

Prepariamoci in tempo e siamo prudenti

Quando fa caldo la pelle si secca molto prima, specialmente se oltre all‘idratazione trascuriamo anche il giusto apporto di liquidi. La pelle secca non è solo spiacevole al tatto, ma anche esteticamente. Ma il problema più grande è che favorisce la comparsa di rughe, di macchie di pigmento, e per di più invecchia prima.

Se non ci siamo protetti contro i raggi del sole nella maniera dovuta, o ci siamo  semplicemente esposti al sole senza particolari precauzioni, la nostra pelle diventa secca, ed il cloro delle piscine o l‘acqua salata del mare vanno a peggiorare ulteriormante la situazione. L’esposizione prolungata ai raggi UV favorisce la formazione di macchie di pigmento, che sono particolarmente difficili da eliminare. Per effetto dei raggi UV  inoltre cresce anche la quantità dei radicali liberi responsabili dei danni al DNA e dei tumori. Per questo diventa così importante la cura della pelle in estate.

Quando siamo al mare o in piscina, usiamo sempre un crema solare adatta al nostro tipo di pelle, con un fattore protettivo alto (minimo 30, ideale 50), anche quando siamo all’ombra. In alcun luoghi la quantità di raggi UV è davvero estrema. Per non parlare del fatto che l’acqua del mare e la sabbia potenziano ulteriormente l’intensità dei raggi solari.

Ogni volta che entriamo in acqua, applichiamo nuovamente la crema solare, anche nel caso in cui utilizziamo un prodotto resistente all’acqua. Dopo il bagno, l’uso di un bagnoschiuma oleoso libera la nostra pelle dalla sabbia e dal sale, oltre a nutrirla. Esistono apposite creme da corpo dopo sole, che oltre ad idratare aiutano anche a conservare l’abbronzatura a lungo.

L’abbronzatura invecchia la pelle

Durante le vacanze anche il nostro viso è esposto ai danni dell’ambiente esterno, per di più non viene mai coperto. A causa del sole infatti, facciamo smorfie involontarie del viso, soprattutto nella zona intorno agli occhi e tra le sopracciglia, cosa che porta ad un invecchiamento precoce della pelle, oltre al fatto che l‘aria calda potenzia ancor più questo effetto.

La maggiore sudorazione in estate inoltre fa sì che la polvere si attacchi molto meglio alla nostra pelle, ricoprendone i pori, cosa che permette ai patogeni di moltiplicarsi maggiormente, favorendo così la formazione di brufoli.

In estate l’idratazione diventa essenziale. Durante il giorno possibilmente usiamo una crema idratante e antirughe con fattore antisolare (esiste anche la versione abbronzante),e gli occhiali da sole, poichè i raggi UV danneggiano anche gli occhi. Alla fine della giornata non dimentichiamo mai una pulizia del viso accurata. L’acqua micellare è una scelta ideale, dopodichè concediamo alla pelle del viso una maschera ricca di nutrienti.

Proteggiamo anche i capelli

In estate non dobbiamo solo pensare alla cura della pelle, perchè anche i capelli risentono dei danni ambientali. I raggi del sole, il caldo, l’acqua con cloro o salata, li scolorano, li seccano, e li rendono fragili. Per fortuna esistono molti prodotti per la cura dei capelli con fattore di protezione UV, ma anche shampoo speciali. Anche le maschere rigeneranti, protettive del colore, servono a proteggere i capelli, così come i balsami senza risciacquo e gli olii per capelli. Con questi ultimi possiamo risolvere in modo molto semplice ma efficace i danni alle punte dei capelli, che spesso diventano secche e si spezzano facilmente. Indossiamo un foulard per capelli o piuttosto  un cappello di paglia, che può proteggere anche il volto.

Articoli correlati

Comunità

NEWSLETTER BLOG

phone

Suggerimenti per la salute direttamente nella sua posta elettronica