head

Cosmetici nocivi – bisogna sceglierli bene!

Cosmetici nocivi – bisogna sceglierli bene!
Eva MacPherson Eva MacPherson
Naturopata e nutrizionista
Temi: Stile di vita

Sia in internet, che nei giornali, o in televisione e nella radio, il tema della cura della pelle è sempre attualità. Ogni giorno vengono svelati trattamenti segreti o ricette di alimenti comuni, a cui vengono attribuiti effetti che fanno alla pelle. Eppure non è per niente sicuro che utilizzati esternamente siano effettivamente benigni.

Aceto di mele che brucia la pelle

L'aceto di mele viene utilizzato da molto tempo per la preparazione di vari piatti, soprattutto per condire le insalate, ma ora sta diventando sempre più popolare la maschera per il viso in base a quest’aceto. Anche se la sua forza pulente e disinfettante è innegabile ed è per questo che viene consigliato per pelli tendenzialmente acneiche o infiammate, l’aceto della concentrazione di 20 % tradizionale può facilmente bruciare la pelle del viso. Inoltre, sbilancia il valore pH naturale, ed a lungo andare può causare seri problemi.

Il succo di limone irrita

Molti cosmetici contengono vitamina C, che è un antiossidante potente, e come tale, inibisce la formazione di infiammazioni, rallenta l'invecchiamento della pelle, lega i radicali liberi associati allo sviluppo del cancro. Visto che il succo di limone abbonda di vitamina C, molti la raccomandano per il trattamento della pelle, in particolare per attenuare le rughe e le macchie. Tuttavia, nessuno vuole calcolare il rischio che comporta l’utilizzo del succo di limone, con la sua acidità danneggia la pelle, e cambia il valore del pH, e può provocare irritazione. E ancora una cosa: il succo di limone non diluito indebolisce la capacità naturale della pelle come  filtro UV, rendendoci così più vulnerabili ai raggi dannosi del sole.

Moderare la quantità del sale e dello zucchero

Per pulire e rimuovere le particelle morte della pelle, il sale, il caffè e lo zucchero possono essere applicati efficacemente, ma mai in zone sensibili perché potrebbero facilmente riportare dei danni, irritando la pelle sottile e sensibile, compreso il viso. Bastano anche solo dei piccolissimi graffi quasi invisibili perché i batteri e funghi possano entrare negli strati interni della pelle, o addirittura nel flusso sanguigno!

Articoli correlati

Nuvoletta

Comunità

NEWSLETTER BLOG

phone

Suggerimenti per la salute direttamente nella sua posta elettronica