head

I virus dell’herpes possono provocare il morbo di Alzheimer?

Ricercatori americani ipotizzano che i virus dell’herpes possano provocare il morbo di Alzheimer
Ricercatori americani ipotizzano che i virus dell’herpes possano provocare il morbo di Alzheimer
Suren Ponti Suren Ponti
Giornalista, consulente sanitaria
Temi: Curiosità

Secondo una nuova ricerca americana i virus dell’herpes potrebbero essere tra le cause del morbo di Alzheimer. Gli autori dello studio pubblicato nell’ultimo numero della rivista specialistica Neuron hanno trovato infatti il doppio di virus dell’herpes nel cervello dei deceduti in seguito al morbo di Alzheimer rispetto al cervello di chi non soffriva di questa malattia – ha scritto il portale LiveScience.com.

Il morbo di Alzheimer colpisce diversi milioni di persone al mondo ma le cause sono tutt’oggi sconosciute. Secondo una nuova teoria però la malattia sarebbe causata da uno o più virus che colpiscono il cervello.

L’ipotesi non è del tutto nuova

In realtà la teoria secondo la quale i virus ed altri patogeni giochino un ruolo nella formazione del morbo di Alzheimer non è del tutto nuova, poichè era già stata ipotizzata negli anni cinquanta, ma con il passar del tempo molti dottori e ricercatori l’hanno contestata – come ha sottolineato Benjamin Readhead, autore principale dello studio e ricercatore alla Università di Stato dell’Arizona. Readjead e il suo gruppo di ricercatori originariamente non cercavano virus, ma stavano facendo studi su delle reti cerebrali che con alcuni medicinali esistenti „ si potrebbero riattivare nuovamente”, aprendo così nuove prospettive nel trattamento di questa malattia.

Durante lo studio – che ha compiuto l’analisi finora più  dettagliata dei tessuti affetti dal morbo di Alzheimer – il gruppo di ricerca ha analizzato quasi 1000 campioni di tessuto, fra i quali tessuti colpiti dal morbo di Alzheimer e tessuti morti senza la presenza di questa malattia. Hanno poi setacciato le sequenze di DNS e RNS ed hanno identificato quali fra queste sono geni umani e quali no. Le frequenze di geni umani sono stati confrontati con più di 500 geni di virus.

Quale virus dell’herpes può essere responsabile?

Benchè le teorie che sostengono l’origine virale o batterica del morbo di Alzheimer non siano molto popolari nel mondo scientifico, una ricerca ha dimostrato un collegamento tra il morbo e il virus herpex simplex (HSV1).

Nella nuova ricerca però è stato dimostrata la presenza di herpex 6A e herpes 7. Secondo i ricercatori la presenza di virus herpes nel cervello non deve sorprendere, poichè questi patogeni „si trovano nell’organismo di ogni essere umano”. Nel 40-50 per cento dei tessuti cerebrali esaminati erano presenti virus herpes, ma nei tessuti colpiti dal morbo di Alzheimer il loro numero era doppio rispetto a quello dei tessuti sani. Questo però non sarebbe sufficiente ad affermare che questa infezioni provochi il morbo di Alzheimer.

„Ovviamente altre anomalie entrano in gioco nello sviluppo della malattia, e nel fatto che alcune persone reagiscono così a questo virus. Il virus tuttavia gioca un ruolo, perchè potrebbe essere tra le cause della malattia o potrebbe accelerare lo sviluppo del morbo di Alzheimer”, ha affermato Readhead. L’accertamento del ruolo di quest virus nello sviluppo della malattia necessita di ulteriori indagini.

Non tutti sono d’accordo

Hugo Lövheim, capo del Dipartimento di Medicina Generale e Riabilitazione dell’ Università Svedese di Umeå, il quale non ha preso parte allo studio, ha lodato la nuova ricerca, ma ha anche sottolineato il fatto che sia comunque convinto che il virus HSV1 sia la causa più probabile di questa malattia. Il nuovo sudio, appoggiandosi anche ad altre precedenti ricerche, ha segnalato che il virus dell’herpes 6A può avere un ruolo nello sviluppo del morbo di Alzheimer. Proprio per questo l’obiettivo delle prossime ricerche sul morbo di Alzheimer sarà l’esame di entrambi i ceppi di virus.

Fonti:
MTI https://www.livescience.com/62883-herpes-viruses-alzheimers.html

Articoli correlati

Comunità

NEWSLETTER BLOG

phone

Suggerimenti per la salute direttamente nella sua posta elettronica