head

Anomalie alle unghie: è meglio verificarne le cause

anomalie alle unghie
Eva MacPherson Eva MacPherson
Naturopata e nutrizionista
Temi: Curiosità

Al contrario delle credenze popolari, le anomalie alle unghie non compaiono solo a causa dei danni ambientali, dietro può celarsi addirittura qualche problema organico. È proprio per questo motivo, che non dobbiamo sottovalutare il problema, piuttosto cerchiamo di scoprirne le cause. Naturalmente dobbiamo chiedere l’aiuto di uno specialista, l’auto diagnosi può portarci fuori strada.

 

Non prendiamole cosa sottogamba!

Fanno parte delle anomalie alle unghie più frequenti i cambiamenti di colore, le macchie, la fragilità, nonché i diversi avvallamenti, ma spesso anche la forma delle unghie si differenzia vistosamente dal normale. Le anomalie alle unghie possono essere generate dai traumi subiti alle dita, ma possono essere causate anche dalle verruche virali, da infezioni micotiche, da certi farmaci, oppure dalla chemioterapia. Similmente, anche certe malattie comportano delle anomalie alle unghie, ma questi sono difficilmente interpretabili, quindi è meglio rivolgerci ad un medico.

Avvallamenti e macchie

Gli avvallamenti che compaiono sulle unghie, fanno parte delle anomalie alle unghie più frequenti, possono indicare dei problemi cardiovascolari, polmonite, diabete trascurata, eventualmente carenza di zinco. Le macchie bianche irregolari, o le rigature sulle unghie, spesso sono dovute a degli microtraumi, ma possono essere abbinati anche al sistema immunitario indebolito, e alle carenze alimentari. Possono essere causate inoltre da infezioni, da certi farmaci, dalla carenza di vitamine, dall’infiammazione del colon ulcerosa, dalla disfunzione renale, e dalle malattie epatiche. Se la lamina si distacca dalla matrice ungueale, la causa può essere di qualche infezione, del Herpes zoster, o la malattia della tiroide.   

Forme insolite

Le anomalie alle unghie possono manifestarsi generando delle forme strane. L’unghia al vetrino d’orologio si forma a cause delle malattie cardiovascolari, malattie infiammatorie, malattie epatiche, e delle malattie polmonari. In questi casi la superficie dell’unghia diventa convessa, le ultime falangi invece diventano più larghi e grossi. Il così detto unghia a cucchiaio può indicare l’anemia per carenza di ferro, le malattie cardiache, il lupus, l’ipertiroidismo, nonché la sindrome di Raynaud (malattia che comporta l’intorpidimento, e dello sbiancamento delle dita.).

Diventa di un colore strano

Il colorito bluastro può essere generato da malattie cardiache, polmonari, segnalando la bassa saturazione di ossigeno nel sangue, mentre l’unghia grigiastra e fragile può essere la conseguenza della carenza di vitamine e del ferro. Nel caso della sindrome dell’unghia gialla l’unghia è più spessa, e non cresce tanto velocemente, come nei casi normali. Questa anomalia alle unghie la maggior parte si presenta in età avanzata, ma può essere il segnale di tumore interno, disturbi della circolazione linfatica, accumulo di liquidi nel torace, malattie delle vie respiratorie, come per esempio la bronchite cronica, l’infiammazione dei seni paranasali, di reumatismi. In quanto al colorito giallastro, l’unghia risulta più spessa, può indicare un’infezione micotica.  

 

Fonte:
http://www.healthline.com/health/nail-abnormalities-2

 

 

 

Articoli correlati

Comunità

NEWSLETTER BLOG

phone

Suggerimenti per la salute direttamente nella sua posta elettronica