head

Non si sente molto bene? La pulizia del fegato può aiutare

Quando è arrivato il momento di disintossicare il fegato?
Quando è arrivato il momento di disintossicare il fegato?
Suren Ponti Suren Ponti
Giornalista, consulente sanitaria
Temi: Cura disintossicante

Stanchezza, problemi digestivi cronici immotivati: quando soffriamo di questi disturbi in genere non pensiamo subito al fegato. Invece è molto probabile che disintossicando il fegato troveremmo una soluzione anche ai nostri problemi.

Prima di parlare di quando e come fare per disintossicare il fegato, riassumiamo in breve i compiti svolti da questo importantissimo organo. Il fegato è un organo di importanza vitale per il nostro organismo. Nel caso in cui si sviluppi una qualsiasi disfunzione causata da malattia, consumo di alcol e droghe o ferite, le conseguenze su questo organo possono presentarsi molto rapidamente. In questi casi infatti le tossine vengono trasportate in tutto il corpo attraverso la circolazione del sangue, producendo delle reazioni chimiche che possono avere conseguenze gravi, persino mortali. Per fortuna è molto raro che questo avvenga da un giorno all’altro ( questo è possibile solo nel caso in cui il fegato smetta di funzionare all’improvviso), e nella maggior parte dei casi abbiamo tempo per cominciare a trattare e curare il problema. Prima di tutto dovremmo porre l’accento sulla prevenzione: a questo scopo disintossicare il fegato può servire proprio per evitare di dover agire quando i disturbi sono già seri .

Le funzioni più importanti del fegato

Il fegato è il nostro secondo organo più grande che prende parte a numerosi processi biologici. I più importanti sono i seguenti:

  • Smaltisce le tossine che entrano nell’organismo (microrganismi, sostanze estranee), ripulisce il sangue.
  • E‘ il centro del metabolismo del nostro organismo, produce proteine, grassi, carboidrati ed inoltre riutilizza le sostanze nutrienti assorbite dall’intestino.
  • Producendo colesterolo, prende parte alla digestione e alla formazione della bile.
  • Magazzino di amidi, se necessario produce energia.
  • Regola la coagulazione del sangue.

Perchè disintossicare l’organo disintossicante?

Questa domanda è lecita e sorge sempre quando si parla di disintossicare il fegato. In effetti perchè dobbiamo disintossicarlo? E‘ infatti indubbio che il fegato è il re della disintossicazione, un organo che lavora senza sosta per filtrare dal sangue le sostanze dannose. Questo però non vuol dire che sopporti tutto e che niente possa danneggiarlo. Pensiamo solo alle droghe o all’alcol, che sono le sostanze maggiormente responsabili dei danni al fegato. Sappiamo che nuociono, eppure molti si rovinano con esse. Ma ci sono altre sostanze che il fegato non riesce a smaltire, e non dobbiamo neppure dimenticare che se lo bombardiamo continuamente di tossine dopo un pò di tempo non sarà più in grado di svolgere appieno le sue funzioni. Quali sono queste tossine? Sono tossine gli additivi usati nella preparazione degli alimenti (soprattutto negli alimenti pronti o semipronti), ma anche i principi attivi dei medicinali. Anche i cibi molto grassi non sono proprio amici del fegato. Per effetto del carico eccessivo permanente, nel fegato può svilupparsi infiammazione, che rappresenta un problema anche se il fegato è capace di ririgenerarsi fino a due terzi. Ma non dovremmo arrivare a questo momento: cerchiamo piuttosto di alleggerire di tanto in tanto il lavoro del fegato, che è il centro della disintossicazione.

Quando è consigliato disintossicare il fegato?

Se vogliamo andare sul sicuro, oltre a seguire uno stile di vita sano, dovremmo disintossicare il fegato una-due volte all’anno a scopo preventivo. La necessità della disintossicazione del fegato può essere segnalata dai seguenti sintomi:

  • stanchezza immotivata
  • debolezza,
  • disturbi del sonno,
  • aumento di peso inspiegabile,
  • alto livello di colesterolo LDL,
  • flatulenza cronica,
  • stitichezza frequente o cronica,
  • dolori articolari,
  • disturbi mestruali nelle donne.

Soluzioni naturali

Qualsiasi metodo venga scelto per disintossicare il fegato, l’importante è ridurre il carico del suo lavoro. Per questo è importante cambiare stile di vita:

  • Ridurre al minimo il consumo di alcol.
  • Evitare cibi pronti, semipronti o affumicati.
  • Evitare cibi grassi (soprattutto grassi saturi).
  • Ridurre il consumo di farina bianca e zucchero.
  • Fare almeno 30 minuti di esercizio fisico al giorno.
  • Perdere il peso in eccesso.
  • Regolarizzare il livello di colesterolo.
  • Ridurre il consumo di sale.

Mangiamo il più possibile fibra, verdura e frutta fresca. Sono particolarment consigliate le verdura e la frutta gialla e rossa. Consumando regolarmente yogurt prbiotico, cetrioli sottaceti e crauti possiamo rafforzare la flora intestinale che contribuisce ad alleggerire il lavoro del fegato, aiuandoci quindi a disintossicare il fegato con successo. L’olio di oliva è un‘ottima scelta, così come la cicoria al vapore e il succo di limone.

Piante medicinali per disintossicare il fegato

Esistono delle piante molto efficaci per disintossicare il fegato.

Liquerizia: protegge l’apparato digerente e la salute del fegato, aiuta il fegato a rigenerarsi, è un ottimo disintossicante. Può servire anche come coaudiuvante nel trattamento dell‘epatite.

Fieno greco: potente antiossidante, già in età antica erano note le sue proprietà protettive sul fegato. La tisana di fieno greco contribuisce alla prevenzione e al trattamento delle malattie epatiche ed accelera il processo dii guarigione nei tessuti danneggiati del fegato.

Rumex acetosa: considerata un efficace depuratore del sangue e del fegato, potenzia la produzione di bile, che a sua volta migliora il funzionamento del fegato, favorendo la veloce  eliminazione delle tossine dall’organismo.

Soluzione veloce e sicura

Modificando lo stile di vita e utilizzando le piante medicinali già avremmo fatto tanto per disintossicare il fegato. L’effetto di questi metodi però può essere ulteriormente potenziato dall’assunzione di integratori per disintossicazione del fegato. L’accento va posto sulla qualità e affidabilità del prodotto. Il modo più semplice e sicuro per farlo è informarsi in rete leggendo le opinioni degli utenti nei forum specializzati.

Articoli correlati

Comunità

NEWSLETTER BLOG

phone

Suggerimenti per la salute direttamente nella sua posta elettronica