head

Proteine vegetali: quali sono i vantaggi del loro consumo?

Beatrix Acs Beatrix Acs
Consulente Stile di vita
Temi: vegetariano-vegano

L’importanza delle proteine non si cela solo nel fatto, che sono i componenti dei nostri tessuti, e che prendono parte nei processi della produzione degli ormoni e degli enzimi, ma anche che, similmente ai carboidrati, ci forniscono energia. Per questo motivo è di importanza vitale, che il nostro regime alimentare quotidiano contengano dei cibi ricchi di proteine. Ma cosa devono mangiare coloro, che hanno escluso dalla loro vita ogni fonte di proteina di origine animale? Ha dei vantaggi, se qualcuno si nutre solo con delle proteine vegetali, come sono i superalimenti?

Tra gli aminoacidi che compongono le proteine, possiamo distinguerne venti, ma otto di questi, gli aminoacidi essenziali, l’organismo non riesce a sintetizzare. Per questo motivo è importante, che i nostri alimenti contengano il quantitativo ottimale di proteine, che contribuiscono inoltre alla sensazione di pienezza.

Dove si possono trovare le proteine?

Le proteine si trovano soprattutto negli alimenti di origine animale: nelle carni, uova, latte, pesci, formaggi e negli yogurt, inoltre questi sono proteine complete, dato che in essi sono contenuti tutti gli aminoacidi essenziali. Al contrario di ciò, dalla maggior parte delle piante, specialmente dai cereali e dai legumi, manca una parte degli aminoacidi indispensabili. Quindi sorge la domanda, come faccia assumere il quantitativo necessario e della giusta qualità di proteine, per esempio chi segue una dieta vegana? Non è impossibile ad apportare da fonti vegetali il quantitativo necessario di proteine, ma ci vuole senz’altro più tempo. La buona notizia è che ne vale la pena di faticare un po’, dato che le proteine animali solitamente si assimilano con minor efficacia, rispetto alle loro compagne vegetali. 

Il vantaggio delle proteine vegetali

Nelle piante, oltre le proteine, sono reperibili tutti i fitonutrienti, ciò significa fibre, vitamine, importanti minerali, inoltre enzimi e batteri intestinali, che sono indispensabili alla digestione efficace. Colin T. Campbell, che è il professore dell’Università Cornell, nel suo libro intitolato „ Cina -studio” affronta il discorso, che il consumo di proteine animali è strettamente collegabile ai tumori, alle malattie cardiovascolari, al diabete, e con il sovrappeso. Il motivo di ciò è le proteine animali – che non contengono fitonutrienti – riducono notevolmente l’efficacia della nostra digestione. In conseguenza a ciò, le scorie nocive si depositano nel nostro organismo, diventa insufficiente l’assorbimento dei nutrienti, si danneggia la flora intestinale, che causa l’indebolimento del sistema immunitario.

Le migliori fonti delle proteine vegetali

Tra le fonti di proteine vegetali di qualità, ricoprono un ruolo privilegiato i superalimenti, soprattutto le alghe. Dopo l’alga Spirulina, e l’alga Chlorella seguono i semi di canapa, dopo il polline, i semi di chia, nonché la radice di maca. Il 60 per cento dell’alga Chlorella è composto da proteine, che è un valore estremamente alto, dato che 100 grammi ricoprono tutto il fabbisogno quotidiano dell’organismo. Inoltre contiene tutti gli aminoacidi essenziali, ed altri aminoacidi. Anche l’alga Spirulina contiene tutti gli aminoacidi essenziali, ma ne abbonda anche la radice di maca. Con il consumo dei semi di canapa possiamo assumere un quinto delle proteine quotidiane necessarie, inoltre può vantare di venti tipi di aminoacidi. Sono inoltre ricchi di proteine vegetali i semi di zucca, le mandorle, le arachidi, i piselli gialli, le lenticchie, i ceci, i fagioli di soia, nonché le noci, i semi di sesamo, i semi di papavero, e i pistacchi. Abbondano di proteine vegetali anche i latti vegetali preparati con i semi elencati.

 

Letteratura utilizzata:
Dr. T. Colin Campbell - The China Study

Annuncio

Articoli correlati

Comunità

NEWSLETTER BLOG

phone

Suggerimenti per la salute direttamente nella sua posta elettronica