head

Gli effetti dannosi dei medicinali senza ricetta.

Beatrix Acs Beatrix Acs
Consulente Stile di vita
Temi: Stile di vita

Benchè i medicinali da banco che non richiedono ricetta medica siano spesso una soluzione veloce per alleviare vari disturbi, talvolta invece di aiutarci possono arrecare danni al nostro organismo.

Dobbiamo ammettere che spesso, per aver trascurato uno stile di vita sano, la disintossicazione dell’organismo e una sana alimentazione, ricorriamo più del dovuto all’uso di medicinali senza ricetta medica, senza preoccuparsi molto degli effetti collaterali distruttivi per la salute che il loro uso comporta.

Assunzione di medicinali senza controllo

Un caso emblematico che può servirci da lezione sugli effetti devastanti per la salute dei medicinali senza ricetta medica, è quello del professore Mace Moore del Maryland, il quale durante gli anni delle scuole superiori praticava intensa attività sportiva, giocava a pallanuoto ed era membro della squadra di Lacrosse. A causa degli sforzi a cui il suo organismo era sottoposto le ferite e lesioni sportive per Moore non erano situazioni sconociute, e già negli anni del ginnasio si sottoponeva a trattamenti di fisioterapia, e negli anni dopo il diploma faceva sempre più uso di medicinali senza ricetta medica per alleviare il dolore, come aspirina e ibuprofen.

Negli anni dell’università gli analgesici facevano ormai parte della vita quotidiana della vita di Moore, così che dopo un certo periodo di assuefazione questi non portavano più il sollievo di una volta, costringendo il ragazzo a combattere il dolore con dosi sempre più massicce, e nel frattempo non rinunciava neppure all’uso di alcol. Le tossine accumulate e lo stile di vita autodistruttivo gli causarono un’ulcera allo stomaco, e lo sportivo si ritrovò nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale, dove finalmente realizzò che continuando così avrebbe distrutto il suo corpo e decise di troncare l’assunzione di antidolorifici senza ricetta medica.

Dopo 10 anni dal caso, Moore si è ripreso del tutto, e da allora pone particolare attenzione all’assunzione moderata e controllata dei medicinali. Ma Moore non è un caso unico: secondo i dati dell’Ufficio di Alimentazione e Farmaci nel 2006 negli Stati Uniti, il servizio di pronto soccorso ha ricevuto circa 5600 chiamate per sovradosaggio di medicinali da banco, e di questi 458 sono stati casi fatali.

I rischi dei medicinali antinfiammatori non steroidi

Secondo le pubblicazioni dell’ American Journal of Managed Care, l’assunzione in dosi massicce di medicinali antinfiammatori non steroidi come ibuprofen (Advil) o naproxen (Aleve), può aumentare di due o addirittura tre volte il rischio di ulcere allo stomaco ed emorragie interne.

L’American Association of Poison Control Centers ha stabilito che nel 2015, 8 persone hanno perso la loro vita per sovradosaggio di medicinali antinfiammatori non steroidi, e 7 persone sono invece decedute per reazioni allergiche dovute all’assunzione di antistaminici usati per il trattamento di sintomi allergici.

Prima di assumere medicinali senza ricetta medica conviene sempre consultare il proprio medico, perché persino l’uso in contemporanea con altri medicinali prescritti dal medico oppure un dosaggio non adeguato possono comportare rischi anche molto gravi. Non dobbiamo neppure trascurare il fatto se siamo allergici ad alcune componenti, o se abbiamo delle malattie croniche, poiché gli effetti collaterali dipendono anche da questi fattori e possono per questo variare da un caso all’altro.

Prima di decidere di assumere un qualsiasi medicinale da banco senza ricetta, leggiamo il libretto informativo, informiamoci sugli effetti collaterali, perché se ci curiamo spesso da soli usando questi medicinali può succedere che compaino degli effetti collaterali che non sospetteremmo mai essere in qualche modo connessi all’uso di questi farmaci. Possono essere sintomi di questo genere per esempio l’ansia, la sonnolenza, l’insonnia, ma anche il mal di stomaco. Consultiamo sempre il proprio medico, facciamo una disintossicazione regolare e mangiamo molta verdura colorata per limitare al massimo l’uso di medicinali!

Riferimenti:

http://www.huffingtonpost.com/entry/over-the-counter-drug-reactions_us_598dfa41e4b08a2472744e7d

Articoli correlati

Comunità

NEWSLETTER BLOG

phone

Suggerimenti per la salute direttamente nella sua posta elettronica

Programma ToxiClean

Programma ToxiClean

Il Programma ToxiClean é stato elaborato per depurare e disintossicare gli organi interni in modo efficiente, insieme al Programma Clean Inside, per vivere una sana vita quotidiana.


Integratore di fibre della pulizia intestinale

Integratore di fibre della pulizia intestinale

Grazie alle fibre di cui è composto, l’integratore di fibre per la pulizia intestinale pulisce il colon dagli accumuli, e ne previene la formazione.


Tisana disintossicante

Tisana disintossicante

Miscela di 13 piante medicinali accuratamente selezionate. Promuove la peristalsi intestinale e assicura evacuazioni regolari. Non contiene caffeina.