head

Reflusso silenzioso: una malattia mascherata

Beatrix Acs Beatrix Acs
Consulente Stile di vita
Temi: Reflusso

I sintomi del reflusso silenzioso sono molto difficili da riconoscere, ed è proprio questo il pericolo di questa malattia. Vediamo come possiamo riconoscere questo insidioso problema digestivo!
Anche se Lei di solito non ha bruciori di stomaco, purtroppo, la presenza del reflusso lo stesso non può essere escluso del tutto.

Che cosa è il reflusso?

La causa principale del reflusso è la chiusura non perfetta dei muscoli dell’esofago: a causa di questa chiusura non perfetta, il contenuto o l'acido dello stomaco, ritorna nell’esofago e nella gola, irritando la mucosa, con conseguente infiammazioni e ed altri sintomi. I sintomi più comuni e facilmente riconoscibili del reflusso sono i dolori che dopo aver mangiato e prima di coricarsi si presentano dietro lo sterno, ed il rutto dal gusto acido.
Tuttavia, i sintomi del reflusso silenzioso sono differenti del reflusso gastrico normale, così sono molto più difficili da individuare, e quindi possono causare danni maggiori.


I sintomi del reflusso silenzioso

Il reflusso silenzioso, oltre ai sintomi tipici può produrre sintomi simili a quelli delle malattie dei polmoni, petto e gola.
I sintomi tipici del reflusso silenzioso sono vari, possono influenzare il nostro riposo e sonno: i disturbi del sonno, il russare e la stanchezza diurna. Anche i disturbi della respirazione che capitano di solito dopo essere andati a letto, la tosse secca, la sensazione di un nodo alla gola, la difficoltà di deglutire, irritazioni, la voce rauca, ma anche il deterioramento dei denti possono segnalare la presenza del reflusso silenzioso. Pertanto, il reflusso silenzioso è una malattia insidiosa perché i suoi sintomi ci fanno pensare più a una malattia polmonare o a quella alla laringe e non ai problemi di digestione, e di reflusso.


Cosa possiamo fare in caso di reflusso silenzioso?

La prima cosa più importante è quella di riformare la nostra alimentazione: bandiamo  i cibi grassi, zuccherati, acidi e troppo piccanti, perché aiutano lo sviluppo del reflusso. Il secondo passo è quello di ripensare il nostro modo di vivere: uno stile di vita stressante, alcuni sedativi, il sovrappeso, le sigarette, l'alcol ed i pasti consumati a sera tardi aumentano le probabilità di sviluppare il reflusso. Cerchiamo di vivere in modo salutare, mangiare pasti piccoli, finire la cena almeno 3 ore prima di coricarsi, e non bisogna dimenticarsi della disintossicazione e l’alcalinizzazione dell’organismo, fa bene fare una cura ogni tanto per eliminare le tossine accumulate!

Il trattamento del reflusso può avvenire iniziando con sostanze semplici che neutralizzano l’acido le quali si comprano anche senza  una prescrizione medica fino ai trattamenti con veri farmaci da prescrivere, ed addirittura fino alle operazioni chirurgiche. E’ importante, se dovessimo scoprire di avere sintomi di reflusso silenzioso, è necessario consultare il medico!

Articoli correlati

Comunità

NEWSLETTER BLOG

phone

Suggerimenti per la salute direttamente nella sua posta elettronica

Programma ToxiClean

Programma ToxiClean

Il Programma ToxiClean é stato elaborato per depurare e disintossicare gli organi interni in modo efficiente, insieme al Programma Clean Inside, per vivere una sana vita quotidiana.


Integratore di fibre della pulizia intestinale

Integratore di fibre della pulizia intestinale

Grazie alle fibre di cui è composto, l’integratore di fibre per la pulizia intestinale pulisce il colon dagli accumuli, e ne previene la formazione.


Tisana disintossicante

Tisana disintossicante

Miscela di 13 piante medicinali accuratamente selezionate. Promuove la peristalsi intestinale e assicura evacuazioni regolari. Non contiene caffeina.